World Sporting Academy Sport Science School
Annuncio Pubblicitario
Home
sabato 18 novembre 2017
Ginnastica
 ginnastica-artistica.jpg

 Artistica Femminile

 ginnastica-artistica maschile.jpg

 Artistica Maschile

 ginnastica-ritmica sportiva.jpg

 Ritmica Sportiva

 ginnastica-aerobica sportiva.jpg

 Aerobica Sportiva

 topolino.gif
 Ginnastica per Tutti
 
Affiliato
logo_fijlkam
 logofipe
 
fgi.jpg
 
coni.gif
 
logo_acsi
 csen-logo
 
Sport Science School
 scienze_motorie_l_aquila
 Scienze Motorie l'Aquila
Web Link
Web link
E' scomparso Giovanni Carminucci! PDF Stampa E-mail
Scritto da Jean Carlo Mattoni   
lunedì 19 febbraio 2007

Noi tutti della ginnastica di San Benedetto del Tronto, uniti al dolore della famiglia  e al cordoglio della Federazione Ginnastica d'Italia, piangiamo per la scomparsa a Roma il 18 febbraio 2007 di Giovanni Carminucci. Fu uno dei più grandi ginnasti degli anni sessanta!
Giovanni Carminucci nacque a San Benedetto del Tronto il 14 novembre 1939. Iniziò la sua carriera sportiva nel 1949 e fece parte della mitica squadra, con il fratello Pasquale, Gianfranco Marzolla, Franco Menichelli, Orlando Polmonari e Angelo Vicari, che ai Giochi Olimpici di Roma 1960 vinse la medaglia d’argento alle parallele e il bronzo nel concorso generale a squadre.
Giovanni fu più volte Campione europeo ed italiano!
Fra le tante vittorie, resta storica quella agli Europei di Madrid 1971 in cui vinse, all’età di 32 anni, la medaglia d’oro alle parallele. Giovanni Carminucci si è ritirato dalla carriera agonistica, dopo 17 anni di frequenza in Nazionale, nel 1971 con il titolo di Campione d'Europa alle Parallele. La cerimonia funebre si terrà domani, 20 febbraio alle ore 15:30, a Roma presso la Chiesa di San Fedele Martire.

 giovanni carminucci

 Giovanni Carminucci

Il Palmares

 giochi_olimpici_roma_1960

 Giochi Olimpici Roma 1960

Giochi Olimpici 

  • Roma 1960: Argento alle Parallele e Bronzo a squadre con Pasquale Carminucci, Gianfranco Marzolla, Franco Menichelli, Orlando Polmonari, Angelo Vicari
  • Tokyo 1964: finalista alle Parallele
  • Messico 1967: Preolimpionica classificato alle Parallele
  • Messico 1968

Campionati del Mondo

  • Praga 1962: finalista alle Parallele

Campionati Europei

  • Copenaghen 1959: finalista in due attrezzi
  • Lussemburgo 1961: Oro volteggio; Bronzo concorso generale e Parallele
  • Belgrado 1963, Oro Parallele
  • Anversa 1965: finalista a Corpo Libero
  • Tampere 1967: Bronzo Parallele
  • Madrid 1971: Oro Parallele 

Giochi del Mediterraneo

  • Napoli 1961: Oro alla Sbarra; Oro alle Parallele; Oro a squadre; Argento nella classifica individuale; Argento agli Anelli e Bronzo al Corpo Libero.
  • Tunisi 1963: Oro a squadre e Bronzo alle Parallele

Campione Italiano Assoluto

  • 1961 - 1967 - 1968 - 1970 e numerose volte Campione Italiano Assoluto di Specialità

 team_italia_60

Giovanni - secondo a sinistra - e la squadra italiana ai Giochi Olimpici di Roma 1960

La classe non è acqua

 giovanni_ carminucci_mario_ del _monaco

 Giovanni Carminucci e Mario Del Monaco nel 1963 

Quella che sto per raccontare è una storia vera.
Nell’anno 1971 si svolgeva a Madrid il Campionato Europeo di Ginnastica; ricordo ancora la denominazione originale di cui tutta la città era tappezzata: "IX Campeonado Europeo de Gimnasia Masculino - Madrid, 14-15 mayo 1971". in quel periodo storico l'Italia vantava ginnasti come il grande Franco Menichelli e un altro grande, Giovanni Carminucci, che partecipò al campionato in questione. In quel contesto gareggiavano ginnasti del calibro di Klimenko, Voronin, Adrianov (lo squadrone sovietico), che occuparono poi le prime tre piazze nella classifica generale. Qui ha inizio la nostra storia. Giovanni riuscì a qualificarsi nei primi sei finalisti alle parallele, attrezzo nel quale si era sempre distinto tra i migliori ginnasti del mondo grazie anche all'inserimento nel suo esercizio di un elemento nuovo, unico nel suo genere e che più tardi prenderà il suo nome, "il Carminucci". La soddisfazione della partecipazione alla finale fu in parte offuscata dal punteggio della giuria, che non tenne conto come avrebbe dovuto dell'originalità, del rischio, del virtuosismo del nuovo elemento, relegando il ginnasta al primo posto nell'ordine di successione all'attrezzo. A questo punto grande fu la consapevolezza da parte sua, ed anche mia, circa la difficoltà di un possibile piazzamento. L'evidente nervosismo e la giustificata tensione emotiva provocavano sempre, in Giovanni, delle contratture ai muscoli trapezi, così decidemmo di passare ai soliti massagginì decontratturanti. Questa volta, però, ci fu pure la richiesta di fumare una sigaretta e, data la situazione, non mi sentii di rifiutargliela. Pensai bene di trovare un angolo lontano da sguardi indiscreti perché, immaginate voi, se i dirigenti federali al seguito della squadra ci avessero scoperti? L'allenatore che passa le sigarette all'allievo, prima della competizione... che scandalo! da non crederci! E chissà cos'altro. Trovammo una specie di ripostiglio in un corridoio adiacente il campo di gara. Mentre Giovanni cercava di placare la tensione fumando la sua sigaretta, avvertii dei passi in avvicinamento e, da un rapido sguardo, mi accorsi che un ginnasta, il grande ginnasta iugoslavo Miroslav Cerar, ci aveva intravisti e voleva congratularsi proprio con Carminucci: amici e rivali da sempre. In quel campionato Cerar si ritirò per la riacutizzazione di un vecchio trauma alla spalla, lo tolsi in fretta la sigaretta a Giovanni e me la portai alla bocca - all'epoca fumavo - e ricordo bene che in un italiano un poco stentato Cerar mi disse : "Trainer nervoso", io col capo annuii mentre pensavo: "Se tu sapessi"!. Giunse così il momento della gara. I finalisti, schierati, attendevano il via per il tempo concesso loro dai tre minuti di riscaldamento. Altra sorpresa per me, Giovanni non volle provare l'attrezzo e disse a me di occuparmene; si fidava. Cercai di interpretare lo stato psicologico e non mi sentii di dare, in quel momento, nessun consiglio. Giovanni aveva piena consapevolezza della situazione e decise di giocarsi il tutto per tutto. Eseguì il suo esercizio, oggi mi sentirei di dire, senza infamia e senza lode, ottenendo lo stesso punteggio del concorso generale, ma, ricordiamoci, nessuna comparazione era possibile essendo stato il primo a salire, intanto giunse la notizia che Viktor Klimenko non avrebbe partecipato alla finale a causa dello stiramento del tendine di Achille. Dispiace, certo, però viene da dire "uno in meno"... In quell'epoca un giovane ginnasta emergente della Repubblica Democratica Tedesca, Klaus Koste, portava come novità il doppio salto raggruppato indietro in uscita, con l'appoggio delle due mani su di un solo staggio. Qui iniziò un inaspettato cambiamento della classifica ufficiosa, impensabile fino a quel momento. Ecco come andò: Koste concentrò tutta l'energia possibile sul doppio finale al punto che la spinta propulsiva della braccia sullo staggio fu tale e tanta da fargli compiere due giri in aria perfetti, poi, purtroppo per lui, altri due per terra, finendo quasi in grembo al giudice che, vista la situazione e da bravo ex ginnasta, riuscì a schizzare via dalla sedia prima di essere investito. Attimi di panico, poi fortunatamente nulla successe e la cosa fu quasi ilare. Il ginnasta Koste era finito sotto il palco e, dall'espressione piuttosto disorientata, pareva chiedersi come mai si trovasse proprio lì. Dopo una breve contestazione fra i giudici fu assegnato il verdetto. Carminucci in quel momento era al terzo posto della classifica ufficiosa, virtualmente medaglia di bronzo. Dalla tribuna del palazzo dello sport la delegazione italiana mandava segnali di grande esaltazione. Capimmo che la rassegnata convinzione di non farcela si stava sgretolando; Giovanni conosceva bene le capacità dei suoi avversari, ma sapeva anche che l'appartenenza alla Repubblica Democratica Tedesca o all'Unione Sovietica significava essere sempre ben pagati dalla giuria, a patto, però, di non commettere errori. Ora restavano i più quotati Adrianov e Voronin. Ricordo che ci stringemmo l'avambraccio, come i guerrieri romani, sigillando così la convinzione che giustizia era fatta. Ma le sorprese non erano ancora finite. Il penultimo ginnasta non superò il punteggio di Carminucci per evidenti sbavature e Giovanni era, così, medaglia d'argento. Una incontenibile euforia ci prese completamente. Fu allora che dietro l'apparente maschera impassibile del campione affiorava la grande umanità di Giovanni. La gioia era ormai dirompente, tutte le tensioni represse si trasformavano in emozioni e sentimenti liberi da freni inibitori e ora volevano, dovevano esplodere e, come sempre avviene, due sono le reazioni: piangere o reagire con una serie di gesti e parole che - la luce dell'intendimento mi fa essere molto discreto - non vorrei qui ricordare. Anche l'ultimo ginnasta non ce la farà a superarlo. Incredibile, Giovanni Carminucci, al suo settimo Campionato Europeo e probabilmente al termine della sua lunga carriera agonistica vissuta con genio e qualche sregolatezza, è medaglia d'oro! Campione d'Europa! Ora ditemi voi se questa non è classe.

by Arrigo Carnoli, tratto da "Il Ginnasta" numero 2 del 2003 

Ed ora...oltre al ricordo...

...è necessario che la città dopo tanto ostracismo, tributi ai suoi figli, ai F.lli Carminucci e a Giovanni in particolare il giusto e meritato onore non solo dedicandogli una "palestra", ma fin da subito la via dove abitavono o l'odierna piazza Ancona ed una statua. E noi che del ginnasta, dell'educatore e dell'uomo abbiamo fatto il nostro esempio qui e sulle pedane d'Italia non lo dimenticheremo MAI chiedendo altrettanto alla città, ai suoi rappresentanti e agli sportivi tutti!

by Jean Carlo, tratto da "sambenedettoggi.it" del 1 marzo 2007

Commenti
Cerca
Solo gli utenti registrati possono inviare commenti!

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

Ultimo aggiornamento ( martedì 24 marzo 2009 )
 
< Prec.
Summer Gym Camps Academy 2017
summer_gym_camp
Summer Gym Camps Academy 2017
Ginnaste - Vite Parallele
 ginnaste_vite_parallele



Danza e Arti Marziali
 danza.jpg

Danza e Arti di
Espressione Corporea

 aikibudo.jpg

 Aikibudo

 karate.jpg

 Karate

 difesa.jpg

 Difesa Personale

ed inoltre

Educazione Motoria
e Psicomotricità


Ginnastica Medica
e Riabilitativa


Trampolino Elastico

Sport Acrobatici

Parkour

Arti Marziali

Pesistica
e Cultura Fisica


Salute e Fitness

Avant Garde du Mans
 agm_logo
 Avant Garde du Mans
Nihon Koryu Bujutsu Renmei
nihonkoryubujutsurenmei  
Wado-ryu Jujutsu Kenpo
 wado.gif
Club Gimnàstic Osona
 club_gimnstic_osona_-_logo
Accesso utenti





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
NonSoloFitness
nonsolofitness
Menu principale
Home
 
P.I. e C.F. 01708370448
via Gianna Manzini, 2
63074 San Benedetto del Tr. (AP)
(C) 2017 World Sporting Academy Sport Science School